Una caratteristica che dobbiamo tenere presente è la forza delle farine, ovvero, la loro capacità di assorbire i liquidi quando vengono lavorate e la loro resistenza ai lunghi periodi di lievitazione/maturazione.

La forza dipende dalla qualità del grano, dalla modalità di estrazione, molitura e dal suo contenuto proteico (il riferimento alle proteine è valido per le farine povere di crusca ossia 0 e 00, per le altre farine non indicano soltanto gliadine e glutenine ma altre proteine solubili che non concorrono nella formazione della maglia glutinica).

Da cosa distinguiamo la forza della farina? Da una lettera W che viene indicata sulla confezione e che, appunto, ci indica la sua resistenza ed elasticità.
Più alto sarà il valore della W, più tempo richiederà l’impasto per maturare correttamente e fare il suo corso al fine di scomporre le sostanze complesse presenti nella farina, rendendo la nostra pasta più leggera ed estensibile in fase di lavorazione e nello stesso tempo più digeribile e facilmente assimilabile dal nostro organismo.
Per fare un esempio, una farina con w260 maturerà in modo ottimale in 24 ore circa, una w360 richiederà invece almeno 48 ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.